Articolo di revisione
Pubblicato: 2024-04-16

Danni respiratori da cannabis (parte I). Epidemiologia e tossicologia della cannabis

Pneumologo, Past President Società Italiana di Tabaccologia (SITAB)
Medico del Lavoro e Tabaccologo, Redattore Rivista “Tabaccologia”
SC Pneumologia, Ospedale Civile, Imperia
DPDsc SerD-ASLNO, Novara
Dipartimento Interaziendale Patologia delle Dipendenze AASSLL BI-NO-VC-VCO
UOC Pneumologia, Ospedale “Vito Fazzi”, Lecce
Oncologic network, Prevention and Research Institute (ISPRO), Firenze
Dipartimento di Sanità Pubblica e Malattie Infettive, Sapienza Università di Roma, Roma; Presidente Società Italiana di Tabaccologia (SITAB)
cannabis BPCO neoplasie fibrosi polmonare polmoniti

Abstract

La cannabis (marijuana) è una delle droghe più diffuse al mondo, con 120-250 milioni di consumatori stimati, in rapido aumento, in particolare in giovani maschi adulti provenienti da Paesi ad alto reddito. In gran parte del mondo, l’uso della cannabis è illegale. I termini spesso associati alla cannabis sono molto diversi a seconda delle latitudini, creando malintesi, dubbi e distorsioni nell’interpretazione della sua composizione. I termini più comunemente associati alla cannabis sono “marijuana” e “hashish”, usati spesso in modo intercambiabile soprattutto negli USA, anche se sono delle entità diverse. La marijuana proviene dalla pianta di cannabis che appartiene alla famiglia delle Cannabaceae. Si prepara dalle parti fiorite essiccate e dalle foglie delle piante femminili. La combustione della marijuana produce centinaia di sostanze chimiche. Il principale ingrediente della cannabis è il delta-9 tetraidrocannabinolo (THC), sostanza psicoattiva. A differenza dei danni da fumo di tabacco, da tempo universalmente riconosciuti, le conseguenze sulla salute del fumo di cannabis, in particolare, le lesioni sull’apparato respiratorio, sono spesso comunemente sottovalutate, o addirittura considerate trascurabili, a causa della mancanza della raccolta di dati sui danni polmonari. Lo scopo di questa rassegna, declinata in due parti, è evidenziare l’impatto del fumo di cannabis sul sistema respiratorio: ci sono vari studi consolidati che indicano come il fumo regolare di cannabis non sia innocuo e che smettere di fumare porterebbe a importanti benefici per la funzione polmonare. Pertanto, questi dati dovrebbero, da un lato, scoraggiare l’uso ricreativo e, dall’altro, incoraggiare i medici ad offrire supporto ai pazienti per smettere di fumare cannabis.

Introduzione

La cannabis, come il tabacco, è una delle droghe più diffuse al mondo e spesso viene consumata proprio insieme al tabacco in varie modalità. I termini spesso associati alla cannabis sono molto diversi a seconda delle latitudini, creando malintesi, dubbi e distorsioni nell’interpretazione della sua composizione. I termini più comunemente associati alla cannabis sono “marijuana” e “hashish”, usati spesso in modo intercambiabile soprattutto negli USA, anche se sono entità diverse. Per “marijuana” si intende un prodotto compattato di varie parti non selezionate di cannabis sativa 1, che contiene importanti livelli di delta-9 tetraidrocannabinolo (THC), uno dei maggiori principi attivi della pianta in grado di interferire con le funzioni neuro-cognitive 2. L’hashish è invece la resina della pianta, di colore marrone chiaro o scuro, che può essere fumata con il tabacco o inalata da sola.

Un uso documentato della cannabis è testimoniato da molti secoli a.C., e molte civiltà la usavano sia per scopi ricreativi che curativi e religiosi. Vi è la prova che la cannabis (canapa) sia adoperata da più di 6.000 anni in Cina per le fibre utilizzate per corde e vestiti, saponi, oli ad uso domestico, ma anche per usi curativi e religiosi. Negli Stati Uniti la cannabis è stata utilizzata come medicinale fino al 1941, quando è stata abbandonata dalla farmacopea ufficiale americana 3-6. Il Control Substances Act, la legge approvata nel 1970, classificò la cannabis come una droga di classe 1, e la annoverò tra le “sostanze chimiche o droghe senza un effettivo uso medico accettato e con un alto potenziale di abuso. Le sostanze della prima scheda, tra tutte le sostanze con dipendenza psicologica o fisica potenzialmente grave, sono le droghe più pericolose” 7. Questa definizione persiste ancora oggi. La marijuana proviene dalla pianta di cannabis che appartiene alla famiglia delle Cannabaceae e si prepara dalle parti fiorite essiccate e dalle foglie delle piante femminili 8,9. La sua combustione produce centinaia di sostanze chimiche. Il principale ingrediente psicoattivo della cannabis è il delta-9 tetraidrocannabinolo (THC); tuttavia, nella pianta di cannabis sono stati identificati più di 60 diversi composti (cannabinoidi) 8,9. Un uso ricreativo della cannabis, illegale nella maggior parte dei Paesi del mondo, è in aumento per molti motivi, tra cui: stessa via di somministrazione del fumo del tabacco, somiglianze di composizione chimica, predisposizione genetica e dipendenza soprattutto nei co-consumatori di tabacco e cannabis. Le mutazioni antropologiche dei Paesi industrializzati, per la loro maggiore accessibilità economica, senza tralasciare scenari mondiali che stanno rapidamente mutando verso una legalizzazione della cannabis e una tendenza a negare effetti negativi, completano il quadro.

Epidemiologia

Nonostante i grandi cambiamenti in alcune regioni, l’uso della cannabis nel mondo è rimasto abbastanza stabile negli ultimi anni. Nel 2014, circa il 3,8% della popolazione mondiale ha fatto uso di cannabis durante l’anno, percentuale che si è stabilizzata dal 1998. Le Americhe, seguite dall’Africa, rimangono le principali aree per produzione e consumo, con tre quarti di tutte le confische di cannabis effettuate nel 2014 in tutto il mondo (la quantità maggiore in Nord America, in Africa il 14% del totale e in Europa il 5%). D’altra parte, Europa, Nord Africa e Medio Oriente sono ancora i principali mercati per la resina di cannabis, la maggior parte della quale è ancora prodotta in Marocco e in Afghanistan 10. Oggi la cannabis è la droga illegale più diffusa al mondo, con un numero di consumatori stimato tra i 120 e i 250 milioni di persone, con una prevalenza del 2,6-5% della popolazione adulta mondiale; ciò significa che una persona su venti di 15-64 anni fa uso di cannabis 11,12. A livello globale, la dipendenza da cannabis è presente in almeno 13 milioni di persone, in particolare giovani maschi adulti provenienti da Paesi ad alto reddito 13. La cannabis è in realtà la sostanza psicoattiva più fumata negli Stati Uniti, dopo il tabacco 14. La prevalenza più elevata si registra in Nord America (10,8%), Oceania (10,9%), Bermuda (19,9%), Uruguay (8,3%), Brasile (8,8%), anche se in quei Paesi, come in altri, i dati sono sottostimati 15.

La prevalenza media del consumo di cannabis nella popolazione generale (15-64 anni) degli Stati membri dell’Unione Europea è rimasta invariata negli ultimi dieci anni, intorno al 6,6%. Tuttavia, il consumo di cannabis è molto più elevato tra i giovani di età compresa tra 15 e 34 anni, soprattutto maschi (prevalenza annua del 13,3%) 16. Vale la pena sottolineare che i dati della National Survey on Drug Use and Health 2006-2013 registrano un aumento del consumo di cannabis anche tra le persone anziane negli Stati Uniti tra il 2006-2007 e il 2012-2013. In questo studio, i dati mostrano un aumento del consumo di cannabis del 57,7% negli adulti di età compresa tra 50-54 anni e del 250% negli adulti di età pari o superiore a 64 anni in quei periodi 17. Anche l’Australia ha tassi relativamente alti di dipendenza da cannabis 13. Inoltre, i dati epidemiologici degli Stati Uniti suggeriscono che solo una minoranza di persone che sperimentano la cannabis svilupperebbe dipendenza nel corso della vita (8,9%); al contrario, la maggior parte delle persone che provano il tabacco diventa dipendente (67,5%) 18. La dipendenza dalla cannabis può influenzare pesantemente la qualità della vita ed è responsabile in circa 2 milioni di persone in tutto il mondo di disabilità adattate per anni di vita, ancora una volta in modo preminente nei Paesi ad alto reddito e, su scala globale, nei giovani adulti 13. Il consumo di cannabis è più elevato tra i giovani adulti e l’età del primo consumo di cannabis è inferiore rispetto alla maggior parte delle altre droghe illecite. Si stima che circa 16 milioni di giovani europei (di età compresa tra 15 e 34 anni), ovvero circa il 15% di questa fascia di età, abbiano fatto uso di cannabis nell’ultimo anno, con una percentuale che è aumentata a circa il 20% nella fascia di età tra i 15 e i 24 anni. Tuttavia, vi è una notevole variazione nei livelli di utilizzo segnalati tra i Paesi, con tassi di prevalenza tra i giovani adulti generalmente compresi tra il 3 e il 22% circa 19. L’uso di cannabis è più comune tra i fumatori di tabacco che tra i non fumatori. Nel National Survey on Drug Use and Health (NSDUH) negli Stati Uniti, la prevalenza a 30 giorni del consumo di cannabis era del 36% tra i fumatori di tabacco rispetto all’11% tra i non fumatori. Per quanto riguarda la cessazione dell’uso del tabacco, studi longitudinali osservazionali hanno dimostrato che i fumatori di tabacco che consumavano anche cannabis facevano meno tentativi di smettere di usare il tabacco e avevano meno probabilità di riuscirci rispetto ai fumatori di solo tabacco. Inoltre, i programmi di cessazione che affrontano esclusivamente il consumo di tabacco sembrano essere meno efficaci per gli individui che consumano anche cannabis. Un effetto di compensazione nel consumo duale cannabis-tabacco è che i co-fumatori possono voler smettere di usare solo una delle sostanze. È stato dimostrato poi che la cessazione di una sostanza spesso si verifica in concomitanza con un maggiore uso dell’altra. Questi risultati evidenziano l’importanza di tenere conto dell’uso concomitante di tabacco e cannabis quando si pianificano e valutano gli interventi 20.

Dati OEDT - EMCDDA

L’Osservatorio europeo delle droghe e delle tossicodipendenze (OEDT - EMCDDA), nel bollettino statistico 2017, calcola la percentuale di coloro che hanno fatto uso di cannabis almeno una volta nella vita, nell’ultimo anno o nell’ultimo mese, su un campione di popolazione. In Italia, la percentuale di chi ha fatto uso di cannabis almeno una volta nella vita si stima essere del 32,7% della popolazione di età compresa tra i 15 e i 64 anni, corrispondente a oltre 12,4 milioni di persone. Coloro che hanno dichiarato il consumo di cannabis nell’ultimo anno sono il 9,2% (cioè quasi 3,6 milioni di persone) e quelli che hanno fatto uso di cannabis nell’ultimo mese sono il 4,4%, cioè circa 1,7 milioni. Nella fascia di età 15-34 anni (“giovani adulti”), secondo il rapporto dell’OEDT specificamente dedicato all’Italia, la percentuale di quelli che hanno fatto uso di cannabis nell’ultimo anno sale al 19% 21. Secondo l’Agenzia ISTAT, il consumo di cannabis tra gli adulti in Italia sembra essere in notevole aumento dal 2011 22.

Vie di assunzione della cannabis

Le tre principali forme di assunzione conosciute sono: joint, spliff (o mulling) e blunt. Per “joint” si intende una sigaretta che contiene cannabis e tabacco. La cannabis è molto spesso arrotolata nelle sigarette note come “canne”. La cannabis viene arrotolata in una carta da sigaretta, che può essere di canapa, lino, riso o polpa di legno, preferibilmente non sbiancata, lunga o corta, a seconda di quanta se ne vuole usare. Questi tipi di cannabis di solito bruciano abbastanza velocemente. La maggior parte degli studi quantifica l’esposizione al fumo di cannabis come “spinello/anno”; uno spinello/anno equivale a uno spinello fumato giornalmente per un anno. Il tabacco che viene solitamente aggiunto alle canne di cannabis pura è troppo forte e/o più costoso 23. Questo tipo di cannabis permette di dosare meglio la quantità di sostanza psicoattiva per regolarne gli effetti. Lo spinello è probabilmente la forma di cannabis più consumata in Italia. L’uso simultaneo di cannabis e tabacco, soprattutto tra i giovani adulti e gli adolescenti, è un fenomeno in crescita a partire dalla seconda metà del XX secolo. Per “spliff” si intende uno spinello contenente una miscela di tabacco e marijuana. Va osservato che il termine “spliff” può cambiare a seconda del Paese in cui ci si trova. I blunt sono costituiti da sigari svuotati in cui la maggior parte del tabacco viene sostituita con cannabis in un rapporto variabile tra cannabis e tabacco. Un blunt è quantitativamente equivalente a circa 5 spinelli per quanto riguarda il principio attivo principale THC, ed è tipicamente utilizzato in gruppo 24. Di recente, i blunt sono diventati più popolari, principalmente tra i giovani delle aree urbane degli Stati Uniti 25. Rispetto al tabacco, tutti i diversi tipi di cannabis vengono fumati con inalazioni più ampie e prolungate, trattenendo l’inspirazione per diversi secondi, provocando talvolta barotraumi con importanti conseguenze respiratorie. La maggior parte degli studi presenta limiti metodologici, in parte dovuti alla segnalazione dei pregiudizi imposti dal consumo di droghe illecite, ma anche a causa del numero limitato di utenti, per lo più forti fumatori inclusi negli studi, e della difficoltà di quantificare l’assunzione 5. Poiché la canna è solitamente fumata senza filtro, le concentrazioni di particolato nelle vie aeree sono quattro volte superiori rispetto a quando si fuma tabacco e il fumo genera temperature più elevate che modificano i processi biochimici e la produzione di molte sostanze chimiche 26. Negli ultimi anni sono nate altre forme di inalazione di cannabis, come narghilè e vaporizzatori 27. Si pensa che i vaporizzatori offrano dosi più elevate di cannabinoidi senza produzione di agenti cancerogeni, perché si raggiunge una temperatura inferiore a quella del fumo 5,28,29. Negli ultimi decenni è stata osservata una maggiore concentrazione di THC nella marijuana e soprattutto nell’hashish 5. La disponibilità e la commercializzazione della cannabis sono in aumento e i produttori in cerca di competitività manipolano le colture (selezione del genere, tecniche idroponiche e illuminazione intensiva) per ottenere concentrazioni più elevate di THC e cannabidiolo (CBD). Nel 2009, il contenuto medio di THC nei Paesi europei variava tra il 3 e il 17%, ma oggi con manipolazioni genetiche e colturali la cannabis raggiunge una capacità di concentrazione di THC fino al 25% 30 con conseguenze ancora sconosciute sulla salute 28.

Farmacologia e tossicologia

La combustione della cannabis produce migliaia di sostanze chimiche in fasi gassose e catrame. I composti della cannabis e del fumo di tabacco sono simili, le differenze riguardano i cannabinoidi e la nicotina 31. I costituenti comuni del fumo di entrambe le piante sono, tra gli altri, CO, ammoniaca, acido cianidrico, isoprene, acetaldeide, formaldeide, acroleina, fenoli, idrocarburi policiclici aromatici come il benzopirene e metalli pesanti come cadmio, mercurio e piombo. A questo elenco vanno aggiunte due sostanze radioattive, il piombo 210 (Pb-210) e il polonio 210 (Po-210), grazie ad una recente ricerca di Wieczorek et al. 32 (Tab. I). Questa ricerca ha evidenziato che sia Po-210 che Pb-210 sono presenti sia nella Cannabis sativa L. che nei suoi prodotti. Nell’hashish di canapa, le concentrazioni massime erano di 160 mBq·g−1 per il Po-210 e di 45 mBq·g−1 per il Pb-210. Queste concentrazioni variavano a seconda del tipo di hashish, peraltro differenziabili anche dal colore. Nella cannabis essiccata e nel tè di cannabis, le concentrazioni di entrambi gli isotopi erano molto più basse. Tuttavia, nonostante la somiglianza qualitativa tra tabacco e fumo di cannabis di molte sostanze, le concentrazioni delle componenti gassose e corpuscolari sono diverse 33. Tra gli oltre 100 diversi cannabinoidi identificati nella pianta e nel fumo di cannabis, il THC è responsabile di effetti psicoattivi come euforia e rilassamento fino a effetti psicotici 34, che sono collegati ai recettori dei cannabinoidi nel cervello (CB1) 35,36. La via più comune di somministrazione della cannabis è l’inalazione del fumo da foglie compresse e arrotolate, come una sigaretta (canna) o usando una pipa ad acqua (“bong”) 36. Quando la cannabis viene fumata, il THC viene assorbito nel sangue attraverso i polmoni. Il THC è una piccola molecola lipofila con proprietà psicoattive presente nel fumo di cannabis, caratterizzata da rapido assorbimento nei polmoni e raggiunge rapidamente il sangue 37, la cui concentrazione di picco, condizionata dal contenuto di THC presente nell’erba, viene raggiunta tra 4 e 10 minuti dopo l’inalazione 26, e si distribuisce nel corpo umano in modo simile alla nicotina. Il THC della cannabis fumata o vaporizzata raggiunge il cervello in pochi secondi 38. Pertanto, gli effetti psicotropi compaiono in pochi secondi o minuti e possono durare fino a 2-3 ore. Tuttavia, la biodisponibilità è eterogenea, compresa tra il 2 e il 56%, a seconda della profondità di inalazione, della durata e del tempo dell’apnea inspiratoria. I profili plasmatici del THC dopo inalazione o iniezione endovenosa sono simili ma i livelli plasmatici dopo assunzione orale erano bassi e irregolari, indicando un assorbimento lento e irregolare 39. Nel fumo di cannabis sono stati identificati più di 100 cannabinoidi 40. Oltre al THC, il cannabidiolo (CBD) è il principale cannabinoide presente nella canapa ed è comunemente associato all’ansiolisi. Il CBD non ha le proprietà inebrianti del THC, non è considerato una sostanza psicoattiva e ha un’affinità molto bassa per i recettori dei cannabinoidi (CB) nel cervello (CB1 e CB2). Alcuni studi hanno dimostrato che l’attivazione dei recettori CB ha il potenziale per influenzare varie vie in direzione dell’attività anti-cancerogena 38,41. I prodotti a base di cannabis possono essere fumati, vaporizzati, ingeriti (mangiando o bevendo) o assorbiti attraverso la pelle e le superfici mucose mediante creme, cerotti o spray 42. La manipolazione genetica nella coltivazione della cannabis ha portato a importanti cambiamenti nella titolazione del THC. I livelli medi di THC nella marijuana dal 4% nel 1995 sono aumentati al 12% nel 2012 43,44. Infatti, nella letteratura recente sono riportati vari metodi di ingegneria botanica e agraria per produrre cannabis con rese quali-quantitative altamente affidabili.

Cannabinoidi sintetici

I cannabinoidi sintetici (CS) sono un gruppo strutturalmente diversificato di nuove sostanze psicoattive (NSP) progettate per colpire il sistema endocannabinoide. Queste sostanze hanno una maggiore affinità per i recettori dei cannabinoidi (CBR) rispetto al THC, la principale sostanza psicoattiva della cannabis, inducendo diversi effetti che assomigliano, ma sono più intensi e di breve durata, di quelli indotti dal THC. Il primo CS risale al 1964 ed era una versione sintetica del THC progettato da Gaoni e Mechoulam. La sintesi di altri CS è seguita per aiutare a capire come il sistema endocannabinoide regola i processi biologici critici, portando alla scoperta di CBR nel 1980 7. Più recentemente, la ricerca di alternative più potenti e legali alla cannabis ha portato all’emergere di diversi CS, il cui uso ricreativo è iniziato a metà degli anni 1990. Il mercato delle NSP è stato dominato dai CS tra il 2009 e il 2019, ma il numero di nuovi CS immessi sul mercato è diminuito nel periodo 2014-2018. Tuttavia, dal 2008 negli Stati membri dell’Unione Europea sono stati rilevati complessivamente 209 CS, pari a circa il 60% dei sequestri totali di NSP nel 2019. In Europa, i CS sono più popolari tra la popolazione di età compresa tra i 15 e i 34 anni (compresi adolescenti e giovani adulti), con tassi di prevalenza che variano tra lo 0,1 (Paesi Bassi) e l’1,5% (Lettonia). Inoltre, sono stati sintetizzati nuovi CS strutturalmente diversi, insieme alla loro breve emivita nella circolazione plasmatica, ostacola il loro monitoraggio e rilevamento, portando probabilmente a una sottostima della loro prevalenza e rappresenta una sfida importante per i responsabili politici. I CS sono solitamente disciolti in un solvente organico (ad esempio, acetone, metanolo) e cosparsi su materiali a base vegetale (ad esempio, melissa, menta, timo). Vengono quindi venduti senza alcun controllo di qualità o quantità e in confezioni attraenti con nomi accattivanti (ad esempio, Spice, K2), principalmente su Internet (ad esempio, dark web). Queste miscele di erbe possono contenere molecole sconosciute o altre sostanze illecite/nocive (ad esempio, sali da bagno, ecstasy, rodenticidi), che possono ulteriormente contribuire ai loro effetti negativi. I CS sono solitamente fumati (ad esempio, usando una pipa/pipa ad acqua o carta o sigarette) ma possono anche essere ingeriti per via orale come compresse, polveri e infusi di erbe. I meccanismi alla base dell’azione farmacologica e degli effetti tossicologici dei CS rimangono per lo più poco esplorati. Ciò è particolarmente preoccupante, poiché l’uso di CS è stato sempre più associato a gravi intossicazioni e decessi, rappresentando così un problema di salute pubblica globale, come da recente pubblicazione su Annual Review of Pharmacology and Toxicology 46.

Conclusioni

Attualmente, 18 Stati negli Stati Uniti (e Guam) e nei Paesi dell’America Latina hanno legalizzato la cannabis. Inoltre, vi è una crescente tendenza a depenalizzare la coltivazione, il consumo e il possesso di questa sostanza 47.

Negli ultimi decenni si è assistito a un progressivo aumento del consumo di cannabis in diversi Paesi non giustificato dalle suddette modifiche legislative ma forse correlato alla diminuita percezione del rischio connesso al consumo di questa droga 5,28.

Questa nuova epidemia di dipendenza da cannabis solleva preoccupazioni per le implicazioni sulla salute pubblica derivanti dall’uso sempre più diffuso di questa sostanza. Poiché la principale modalità di somministrazione della cannabis è attraverso il fumo e poiché il contenuto di entrambe le fasi, gassosa e corpuscolata, del fumo di cannabis è almeno qualitativamente molto simile a quello del tabacco 33, c’è ovviamente preoccupazione che il fumo abituale di cannabis possa portare a serie conseguenze respiratorie, già ampiamente documentate e registrate per il fumo di tabacco, in particolare per la broncopneumopatia cronica ostruttiva (BPCO) e il cancro del polmone, entrambi leader per morbilità e mortalità a livello mondiale. Purtroppo, rispetto al fumo di tabacco, gli effetti della cannabis sull’apparato respiratorio sono poco studiati, come evidenziato in una recente review 48 sia dal punto di vista tossicologico, che epidemiologico e clinico, per vari motivi: la scarsità di progetti di ricerca, la percezione della maggior parte dell’opinione pubblica che la cannabis sia meno dannosa del tabacco e di altre droghe, che a sua volta condiziona le posizioni politiche dell’antiproibizionismo assoluto. Quindi, da un lato si crea un’opposizione sociopolitica alla cannabis fino a sfociare in provvedimenti giuridici ad hoc, dall’altro si impedisce al mondo della ricerca, se non motivato, di effettuare studi rigorosamente controllati sugli effetti dell’uso ricreativo di cannabis sulla salute.

Figure e tabelle

Costituenti fumo marijuana Costituenti fumo tabacco
FASE PARTICOLATA FASE PARTICOLATA
Particolato totale Particolato totale
Fenolo Fenantrene
O-Cresolo Cromo
Naftalene Naftalene
Benzantracene Benzantracene
Benzopirene Benzopirene
Nicotina = 0 Nicotina
delta-9-THC Fluorene
Cannabinolo Antracene
Cannabidiolo Pirene
Polonio 210 Polonio 210
Piombo 210 Piombo 210
Fase gassosa Fase gassosa
Ammoniaca Ammoniaca
Acetaldeide Acetaldeide
Acetone Acetone
Acroleina Acroleina
Benzene Benzene
Toluene Toluene
Tabella I.Composizione fumi cannabis/tabacco

Riferimenti bibliografici

  1. Licata M, Verri P, Beduschi G. Delta9-THC content in illicit cannabis products over the period 1997-2004 (first four months). Ann Ist Super Sanità. 2005; 41:483-485.
  2. Small E. Evolution and classification of cannabis sativa (marijuana, hemp) in relation to human utilization. Bot Rev. 2015; 81:189-294. DOI
  3. Long T, Wagner M, Demske D. Cannabis in Eurasia: origin of human use and Bronze Age trans-continental connections. Veget Hist Archaeobot. 2017; 26:245-258. DOI
  4. American Cancer Society. Marijuana.Publisher Full Text
  5. Aggarwal SK, Carter GT, Sullivan MD. Medicinal use of cannabis in the United States: historical perspectives, current trends, and future directions. J Opioid Manag. 2009; 5:153-168. DOI
  6. Zuardi AW. History of cannabis as a medicine: a review. Rev Bras Psiquiatr. 2006; 28:153-157. DOI
  7. Drug Enforcement Administration.Publisher Full Text
  8. Agrawal A, Lynskey MT, Pergadia ML. Early cannabis use and DSM-IV nicotine dependence: a twin study. Addiction. 2008; 103:1896-1904. DOI
  9. Herman AI, Kranzler HR, Cubells JF. Association study of the CNR1 gene exon 3 alternative promoter region polymorphisms and substance dependence. Am J Med Genet B Neuropsychiatr Genet. 2006; 141:499-503. DOI
  10. UNODC.Publisher Full Text
  11. Eisenberg E, Ogintz M, Almog S. The pharmacokinetics, efficacy, safety, and ease of use of a novel portable metered-dose cannabis inhaler in patients with chronic neuropathic pain: a phase 1a study. J Pain Palliat Care Pharmacother. 2014; 28:216-225. DOI
  12. Wu TC, Tashkin DP, Djahed B, Rose JE. Pulmonary hazards of smoking marijuana as compared with tobacco. N Engl J Med. 1988; 318:347-351. DOI
  13. Degenhardt L, Ferrari AJ, Calabria B. The global epidemiology and contribution of cannabis use and dependence to the global burden of disease: results from the GBD 2010 study. PloS One. 2013; 8:e76635. DOI
  14. Azofeifa A, Mattson ME, Schauer G. National estimates of marijuana use and related indicators-National Survey on Drug Use and Health, United States, 2002-2014. MMW Surveill Summ. 2016; 65:1-28. DOI
  15. OEA- Organizacion Estados Americanos. Annual prevalence drug use by regions and globally by drug types; Sexta Ronda de Evaluación.Publisher Full Text
  16. ECDDA. European Drug Report 2016: Trends and Developments. Publications Office of the European Union: Luxembourg; 2016.
  17. Han BH, Sherman S, Mauro PM. Demographic trends among older cannabis users in the United States, 2006-13. Addiction. 2017; 112:516-525. DOI
  18. Lopez-Quintero C, Perez De Los Cobos J, Hasin DS. Probability and predictors of transition from first use to dependence on nicotine, alcohol, cannabis, and cocaine: results of the National Epidemiologic Survey on Alcohol and Related Conditions (NESARC). Drug Alcohol Depend. 2011; 115:120-130. DOI
  19. European Monitoring Centre for Drugs and Drug Addiction. Cannabis: health and social responses. Cannabis: health and social responses. 2021. Publisher Full Text
  20. Becker J, Hungerbuehler I, Berg O. Development of an integrative cessation program for co-smokers of cigarettes and cannabis: demand analysis, program description, and acceptability. Subst Abuse Treat Prev Policy. 2013; 8:33. DOI
  21. Publisher Full Text
  22. EMCDDA. REITOX. Italian Focal Point. 2017. EMCDDA: Lisbona; 2017.
  23. Akre C, Michaud PA, Berchtold A, Suris JC. Cannabis and tobacco use: where are the boundaries? A qualitative study on cannabis consumption modes among adolescents. Health Educ Res. 2010; 25:74-82. DOI
  24. Mariani JJ, Brooks D, Haney M, Levin FR. Quantification and comparison of marijuana smoking practices: blunts, joints, and pipes. Drug Alcohol Depend. 2011; 113:249-251. DOI
  25. Golub AL. The cultural/subcultural contexts of marijuana use at the turn of the twenty-first century (Vol. 3). Routledge: New York and London; 2005.
  26. Huestis MA, Henningfield JE, Cone EJ. Blood cannabinoids. I. Absorption of THC and formation of 11-OH-THC and THCCOOH during and after smoking marijuana. J Anal Toxicol. 1992; 16:276-282. DOI
  27. Solowij N, Broyd SJ, van Hell HH, Hazekamp A. A protocol for the delivery of cannabidiol (CBD) and combined CBD and delta 9-tetrahydrocannabinol (THC) by vaporisation. BMC Pharmacol Toxicol. 2014; 15:58. DOI
  28. Biehl JR, Burnham EL. Cannabis smoking in 2015: a concern for lung health?. Chest. 2015; 148:596-606. DOI
  29. Pomahacova B, Van der Kooy F, Verpoorte R. Cannabis smoke condensate III: the cannabinoid content of vaporised Cannabis sativa. Inhal Toxicol. 2009; 21:1108-1111. DOI
  30. UNODC United Nations Office on Drugs and Crime. World Drug Report.
  31. Lee ML, Novotny M, Bartle KD. Gas chromatography/mass spectrometric and nuclear magnetic resonance spectrometric studies of carcinogenic polynuclear aromatic hydrocarbons in tobacco and marijuana smoke condensates. Anal Chem. 1976; 48:405-416. DOI
  32. Wieczorek J, Kaczor M, Boryło A. Determination of 210Po and 210Pb in cannabis (Cannabis sativa L.) plants and products. J Environ Radioact. 2022; 246:106834. DOI
  33. Moir D, Rickert WS, Levasseur G. A comparison of mainstream and sidestream marijuana and tobacco cigarette smoke produced under two machine smoking conditions. Chem Res Toxicol. 2008; 21:494-502. DOI
  34. Mechoulam R, Parker LA. The endocannabinoid system and the brain. Annu Rev Psychol. 2013; 64:21-47. DOI
  35. National Center for Biotechnology Information. The health effects of cannabis and cannabinoids: the current state of evidence and recommendations for research.Publisher Full Text
  36. National Institute on Drug Abuse, US National Institutes of Health. Research Report Series. Marijuana abuse.Publisher Full Text
  37. Grotenhermen F. Pharmacokinetics and pharmacodynamics of cannabinoids. Clin Pharmacokinet. 2003; 42:327-360. DOI
  38. Sharma P, Murthy P, Bharath MM. Chemistry, metabolism, and toxicology of cannabis: clinical implications. Iran J Psychiatry. 2012; 7:149-156.
  39. Ohlsson A, Lindgren JE, Wahlen A. Plasma delta-9 tetrahydrocannabinol concentrations and clinical effects after oral and intravenous administration and smoking. Clin Pharmacol Ther. 1980; 28:409-416. DOI
  40. Van Sickle MD, Duncan M, Kingsley PJ. Identification and functional characterization of brainstem cannabinoid CB2 receptors. Science. 2005; 310:329-332. DOI
  41. Ladin DA, Soliman E, Griffin L, Van Dross R. Preclinical and clinical assessment of cannabinoids as anti-cancer agents. Front Pharmacol. 2016; 7:361. DOI
  42. Jett J, Stone E, Warren G, Cummings KM. Cannabis use, lung cancer, and related issues. J Thorac Oncol. 2018; 13:480-487. DOI
  43. Volkow ND, Baler RD, Compton WM, Weiss SRB. Adverse health effects of marijuana use. N Engl J Med. 2014; 370:2219-2227. DOI
  44. El Sohly MA, Mehmedic Z, Foster S. Changes in cannabis potency over the last 2 decades (1995-2014): analysis of current data in the United States. Biol Psychiatry. 2016; 79:613-619. DOI
  45. Chandra S, Lata H, ElSohly MA. Cannabis cultivation: methodological issues for obtaining medical-grade product. Epilepsy Behav. 2017; 70:302-312. DOI
  46. Roque-Bravo R, Silva RS, Malheiro RF. Synthetic cannabinoids: a pharmacological and toxicological overview. Annu Rev Pharmacol Toxicol. 2023; 63:187-209. DOI
  47. Publisher Full Text
  48. Khoj L, Zagà V, Amram DL. Effects of cannabis smoking on the respiratory system: a state-of-the-art review. Respir Med. 2024; 221:107494. DOI

Affiliazioni

Vincenzo Zaga

Pneumologo, Past President Società Italiana di Tabaccologia (SITAB)

Daniel L. Amram

Medico del Lavoro e Tabaccologo, Redattore Rivista “Tabaccologia”

Antonella Serafini

SC Pneumologia, Ospedale Civile, Imperia

Giovanni Pistone

DPDsc SerD-ASLNO, Novara

Liborio M. Cammarata

Dipartimento Interaziendale Patologia delle Dipendenze AASSLL BI-NO-VC-VCO

Mario Bisconti

UOC Pneumologia, Ospedale “Vito Fazzi”, Lecce

Giuseppe Gorini

Oncologic network, Prevention and Research Institute (ISPRO), Firenze

Maria Sofia Cattaruzza

Dipartimento di Sanità Pubblica e Malattie Infettive, Sapienza Università di Roma, Roma; Presidente Società Italiana di Tabaccologia (SITAB)

Copyright

© Associazione Italiana Pneumologi Ospedalieri – Italian Thoracic Society (AIPO – ITS) , 2024

Come citare

Zaga, V., Amram, D. L., Serafini, A., Pistone, G., Cammarata, L. M., Bisconti, M., Gorini, G., & Cattaruzza, M. S. (2024). Danni respiratori da cannabis (parte I). Epidemiologia e tossicologia della cannabis. Rassegna Di Patologia dell’Apparato Respiratorio, 39(1), 28-34. https://doi.org/10.36166/10.36166/2531-4920-670
  • Abstract visualizzazioni - 288 volte
  • PDF downloaded - 254 volte