Pneumopillole
Pubblicato: 2022-07-29

La ventilazione meccanica non invasiva nel paziente con ARDS da COVID-19

Dipartimento di Medicina Specialistica, Diagnostica e Sperimentale (DIMES), Alma Mater Studiorum Università di Bologna, Bologna. Unità Operativa di Pneumologia e Terapia Intensiva Respiratoria, IRCCS-Azienda Ospedaliera Universitaria - S. Orsola-Malpighi
Dipartimento di Medicina Specialistica, Diagnostica e Sperimentale (DIMES), Alma Mater Studiorum Università di Bologna, Bologna. Unità Operativa di Pneumologia e Terapia Intensiva Respiratoria, IRCCS-Azienda Ospedaliera Universitaria - S. Orsola-Malpighi
Dipartimento di Medicina Specialistica, Diagnostica e Sperimentale (DIMES), Alma Mater Studiorum Università di Bologna, Bologna. Unità Operativa di Pneumologia e Terapia Intensiva Respiratoria, IRCCS-Azienda Ospedaliera Universitaria - S. Orsola-Malpighi
Dipartimento di Medicina Specialistica, Diagnostica e Sperimentale (DIMES), Alma Mater Studiorum Università di Bologna, Bologna. Unità Operativa di Pneumologia e Terapia Intensiva Respiratoria, IRCCS-Azienda Ospedaliera Universitaria - S. Orsola-Malpighi
Dipartimento di Medicina Specialistica, Diagnostica e Sperimentale (DIMES), Alma Mater Studiorum Università di Bologna, Bologna. Unità Operativa di Pneumologia e Terapia Intensiva Respiratoria, IRCCS-Azienda Ospedaliera Universitaria - S. Orsola-Malpighi
NIV. ARDS COVID-19 SARS-CoV-2

Abstract

Il virus SARS-CoV-2 ha causato milioni di ricoveri e decessi per ARDS, da subito è stato evidente che l’ARDS in corso di COVID-19 presentasse caratteristiche diverse rispetto all’ARDS classica. Nonostante la ventilazione meccanica invasiva (IMV) rappresenti il cardine della terapia dell’ARDS non è infrequente l’utilizzo della ventilazione non invasiva (NIV). Seppur ci siano vari studi clinici promettenti in termini di sicurezza e mortalità, attualmente non ci sono linee guida o forti evidenze scientifiche sull’utilizzo della NIV nella ARDS secondaria a malattia da COVID-19, pertanto un attento monitoraggio clinico durante NIV è obbligatorio per non ritardare l’intubazione e la ventilazione protettiva, soprattutto nei pazienti con deficit di scambio severo (PaO2/FiO2 < 200).

Affiliazioni

Marco Carpano

Dipartimento di Medicina Specialistica, Diagnostica e Sperimentale (DIMES), Alma Mater Studiorum Università di Bologna, Bologna. Unità Operativa di Pneumologia e Terapia Intensiva Respiratoria, IRCCS-Azienda Ospedaliera Universitaria - S. Orsola-Malpighi

Gabriele Corsi

Dipartimento di Medicina Specialistica, Diagnostica e Sperimentale (DIMES), Alma Mater Studiorum Università di Bologna, Bologna. Unità Operativa di Pneumologia e Terapia Intensiva Respiratoria, IRCCS-Azienda Ospedaliera Universitaria - S. Orsola-Malpighi

Lucia Neri

Dipartimento di Medicina Specialistica, Diagnostica e Sperimentale (DIMES), Alma Mater Studiorum Università di Bologna, Bologna. Unità Operativa di Pneumologia e Terapia Intensiva Respiratoria, IRCCS-Azienda Ospedaliera Universitaria - S. Orsola-Malpighi

Federico Tagariello

Dipartimento di Medicina Specialistica, Diagnostica e Sperimentale (DIMES), Alma Mater Studiorum Università di Bologna, Bologna. Unità Operativa di Pneumologia e Terapia Intensiva Respiratoria, IRCCS-Azienda Ospedaliera Universitaria - S. Orsola-Malpighi

Lara Pisani

Dipartimento di Medicina Specialistica, Diagnostica e Sperimentale (DIMES), Alma Mater Studiorum Università di Bologna, Bologna. Unità Operativa di Pneumologia e Terapia Intensiva Respiratoria, IRCCS-Azienda Ospedaliera Universitaria - S. Orsola-Malpighi

Copyright

© Associazione Italiana Pneumologi Ospedalieri – Italian Thoracic Society (AIPO – ITS) , 2022

Come citare

Carpano, M., Corsi, G., Neri, L., Tagariello, F., & Pisani, L. (2022). La ventilazione meccanica non invasiva nel paziente con ARDS da COVID-19. Rassegna Di Patologia dell’Apparato Respiratorio, 37(2), 137-140. https://doi.org/10.36166/2531-4920-A098
  • Abstract visualizzazioni - 5 volte
  • PDF downloaded - 2 volte